Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Le mie fasi



Potrei stare qui ha cercare di scrivere mille e mille volte cosa sta accadendo dentro di me ma non ci riuscirei,o forse un giorno al momento giusto saprò raccontarlo.
So solo di avere iniziato un viaggio circa dieci anni fa, ma ancora non avevo ben capito fra un salto ad ostacoli e l’altro dove mi avrebbe portato.

Quante idee ho cambiato, quanti miei atteggiamenti ho modificato, di alcuni di essi prima di arrivare alla formula giusta ho dovuto sbagliare modificare e rimodificare ancora.Ripartire sempre da capo un poì come nel film “12 volte Natale” e non avete nemmeno idea di come in certi giorni vorrei esserci dentro in quel film,ripetere, rimettere i pezzi insieme  e ogni giorno avere la possibilità di capire dov’è l’errore e poterlo riparare.Con buona probabilità non rivivo lo stesso giorno,ma le stesse situazioni sì, forse io sono in quel film più di quanto  creda.

In questi ultimi anni ho attraversato diverse fasi, apertura chiusura riapertura, alti bassi e ancora alti.La fase dell’incoscienza,la fase dell’impotenza, la fase del cinismo, la fase delle pretese, ma la fase migliore la sto vivendo ora, quella dell’umiltà.Non mi sognavo lontanamente quanta roba potesse starci dentro all’umiltà.

Per essere chiara dovrei spiegare meglio cosa intendo per umiltà, non che in passato io sia stata arrogante o presuntuosa, ma questo tipo  umiltà era ben lontana da me, celata forse dietro la mia timidezza, il vedermi come  il brutto anatroccolo della situazione, il sentirmi un po’ diversa,io ho dentro di me un mondo strano fin da bambina,ma non ne parlo ora.Poi quando qualcuno mi ha fatto notare il meglio di me  sono partita talmente veloce che credo di avere sbagliato per eccesso, per fortuna è durato poco via via le musate contro i muri mi hanno fatto ridimensionare il tutto,insomma un saliscendi continuo fra vittorie e sconfitte,gioie e dolori…ma credo di non essermi mai sentita così viva, la cosa più bella è stata cominciare a vedere i pensieri trasformarsi in azioni  e qualche sogno realizzarsi davvero…ma questa fase qui, questa attuale dell’”umiltà” credo sia per ora la migliore di tutte quelle che ho attraversato fin ora, mi fa piangere un sacco ma anche ridere un sacco, non piango di tristezza ma è un po’ come un pianto di nostalgia per un futuro che deve ancora venire, altre volte è un pianto di commozione,altre ancora di gioia,  fra un pianto e l’altro sto alleggerendo l’anima.

Insomma…ora mi sono bloccata…alla prossima.


L’antica Dea




Ieri ho trovato il testo che posterò sotto “Il  potere delle donne”trovato su The core target.L’ho trovato molto  bello e senza pretesa e presunzione mi ritrovo in alcuni punti, senza presunzione perché so quanta fatica e quali sentieri interiori bisogna attraversare anche solo per diventare o meglio ritornare ad essere simile alla Dea.
Questo mondo nei secoli ha usurpato, calunniato, celato il potere femminile alla donna stessa e agli uomini.  Crescendole  prima schiave e come esseri inferiori,oggi  come agguerrite femministe più simili all’ “ego” dell’uomo.Credo che anche nel l’uomo vi siano enormi qualità e potenzialità anch’esse distrutte nei secoli per ingigantire un io sempre più bisognoso tanto  da renderlo schiavo di un potere oscuro.
Vuole essere solo un introduzione quindi qui mi fermo. 


Una dea è una donna che risorge dalle profondità di se stessa.
È una donna che chiaramente ha esplorato la sua oscurità e ha imparato a celebrare la sua luce.
E’ una donna capace di innamorarsi delle magnifiche possibilità che essa contiene.
È una donna che conosce la magia e i luoghi misteriosi, i luoghi sacri che custodisce dentro di se e che possono nutrire la sua anima e li utilizza.
Lei è una donna che irradia luce. È magnetica. Se cammina in un luogo uomini e donne avvertono la sua presenza.
Lei ha il potere e la morbidezza allo stesso tempo.
Lei ha una potente energia sessuale che non dipende dall’aspetto fisico.
Lei ha un corpo che ama e questo è comprensibile dal modo in cui si muove e in cui vive il suo corpo.
Lei vuole la bellezza, la luce e l’amore. Lei è una madre per tutti i bambini. Scorre facilmente e con grazia nella vita. Può curare con uno sguardo o un tocco della sua mano. Lei ha la ferocia sensuale ed erotica che mostra senza paura e il sesso è il modo in cui condivide con un altro il tocco del divino.
Lei è compassione e saggezza.
Lei ricerca la verità.
È una donna che sa che il suo obiettivo nella vita è raggiungere un livello superiore nell’amore.
È una donna innamorata dell’amore. Lei sa che la gioia è il suo destino e abbraccia il suo destino condividendolo con gli altri, e così guarisce ogni ferita. Lei è una donna che conosce la fragilità e sa che il suo compagno alle volte è fragile e spaventato così come lei.
Lei conosce il potere curativo dell’amore e sa che, insieme, possono guarire ogni ferita.
Lei è una donna che deve essere accettata come è. Lei accetta gli altri così come sono. È in grado di perdonare i suoi errori e non si sente minacciata dagli altri anche quando questi l’ attaccano.
Lei è una donna che può chiedere aiuto quando ha bisogno, o dare aiuto quando qualcuno lo richiede. Lei rispetta i confini, i suoi confini e quelli degli altri.
Lei può vedere Dio negli occhi degli altri. Lei può vedere Dio in se stessa. Lei può vedere Dio in ogni situazione della sua vita. Lei è la donna che si assume la responsabilità di tutto ciò che ha creato nella sua vita. Lei è una donna che dà ed è completamente un supporto per gli altri. Lei è una dea.
Kazzrie Jaxen 
Lei ha il potere e la morbidezza allo stesso tempo” per Lilly
E’ una donna capace di innamorarsi delle magnifiche possibilità che essa contiene” per Adhara

04:00 Sono sveglia

Madonna signore! Sono le quattro del mattino e sono sveglia come un grillo.
Ieri sera sono crollata dal sonno abbastanza presto e presto mi sono svegliata.
Il fatto è che ieri mattina ne ho combinata una delle mie.Sono riuscita a finire al pronto soccorso.Ho centrato al lavoro con precisione assoluta i miei occhi con l’acido per i forni anziché la pentola.

Sorvolo sui fatti avvenuti  al  pronto soccorso dove  però ho trovato due infermieri gentilissimi e simpaticissimi,  muniti di pazienza infinita per  sopportare la dottoressa un po’svanita.Svanita in quanto è tutta da descrivere,tralasciando questo mi sono fatta due risate con l’assistente quando su sua indicazione mi stava bendando l’occhio sbagliato, ho dovuto fargli prontamente presente che era il destro quello messo male.
Insomma va bene che era da giorni che mi dicevo - certo che bello sarebbe sarebbe stare a casa al calduccio con la neve- e le previsioni danno neve per oggi,ma io dico –ringrazio il santo potere dell’attrazione ma sfasciarmi un occhio per esaudire un mio desidero mi sembra esagerato-.

Sinceramente   ciò che mi ha fatto  davvero  piacere è  stata  la  partecipazione delle  
persone intorno,telefonate,  sms  non capitava da tanto mi ero così chiusa a riccio che le persone mantenevano un po’  la distanza che  avevo messo, quindi erano un po’ discreti.Da qualche mese sono io che ho ripreso l’iniziativa di fare un passo verso alcune persone e uno indietro verso altre, e direi che la cosa sta funzionando.Mi piace ,si mi piace  quello che sta avvenendo.
Poi si sa non tutto è oro quel che luccica...sì vedrà.Non posso dire nulla senza    prima
aprire le porte e dare alle persone,me compresa,l’opportunità di essere semplicemente se stesse.

La tua vita non farebbe schifo se…

Se vi sentite un po’ depressi o avete la consuetudine di cadere nel vittimismo vi sconsiglio la lettura onde evitare di creare in voi ulteriore stato d’animo negativo.Non tutti ne comprendono o accettano il  lato positivo di quanto scritto da Raja.Dovrebbe portare ad una riflessione, intuizione, esame di coscienza ma come Charlie Brown  insegna vi è qualcosa ancora di più oscuro in alcuni soggetti,  il fatto di non voler guardare verso l’alto  e correre il  rischio  di  stare bene.Perché lo scriverò un’altra volta.




La tua vita fa schifo perché pensi da schifo
La tua vita fa schifo perché mangi da schifo
La tua vita fa schifo perché odi il mondo
La tua vita fa schifo perché odi gli altri
La tua vita fa schifo perché giudichi
La tua vita fa schifo perché sei un lamento continuo
La tua vita fa schifo perché hai false convinzioni
La tua vita fa schifo perché non hai fiducia nel mondo
La tua vita fa schifo perché hai mille preoccupazioni
La tua vita fa schifo perché credi di avere qualcosa da perdere
La tua vita fa schifo perché vivi di mille paure
La tua vita fa schifo perché  ti  chiudi
La tua vita fa schifo perché   le tue scelte sono dettate da altri
La tua vita fa schifo perché  ti sei assunta degli obblighi
La tua vita fa schifo perché   sei un attrattore di sfortuna
per te e per chi ti sta intorno...
La tua vita fa schifo perché  ti fa comodo vivere in una tomba
senza affrontare la realtà
la tua vita fa schifo perché  desideri quello che non hai
e non apprezzi quello che hai
se la tua vita fa schifo non è un caso

Intreccio di pensieri in tre atti


È incredibile  la quantità di pensieri che si possono produrre in quattro ore di treno,questo post potrebbe rivelarsi confuso per l’intrecciarsi dei miei pensieri.
Ho ripercorso la mia situazione economica attuale, un disastro! Ho fatto un elenco di cose importanti che dovrei fare.Mi sono quasi sentita disperata.Quando ad un certo punto ho fatto leva sulle mille e mille teorie che ho letto sulla prosperità, sul cambiamento…ho cerato fin in fondo dov’è la tara nel mio pensiero, qui ve le risparmio ma di fatto le ho individuate, è decisamente ora di cambiarle con più decisione.

Dopo questi pensieri di contabilità misti a lezioni di positività e altro sono giunta non so come a chiedermi se è vero che il dolore rende grandi e migliori.Una voce da lontano mi ha risposto “ma anche no”.
Ne ho viste di persone passare da sofferenze eppure non erano “migliori”, le viste pararsi dietro il cinismo, le ho viste trasformarsi da vittime a carnefici, diventare dei grandi attori teatrali di vittimismo, mi sono sempre posta la domanda-ma questi dal dolore cosa cazzo hanno imparato?-risposta -una sega-.
Quindi sfatiamo questo mito che il dolore fa crescere e rende migliori.
Sempre la voce che arriva da lontano mi ha detto poi –si diventa migliori attraversando la gioia-.Forse voi non capirete il significato di questa affermazione, ma io so cosa voglio dire e a cosa mi riferisco.
Il dolore è maestro quando lo si vive con alta concezione, quando non ti chiude, quando non diventa mito e l’unica via percorribile, quando lo mastichi  lo elabori e in fine lo vomiti.Quando nel mezzo di tutto il casino riesci a trovare anche un solo insignificante aspetto positivo allora puoi dirti salva ancora non sei sepolta sotto chili di problemi e sofferenza.Quando ogni giorno riesci ad attraversare  anche di pochi centimetri la landa della gioia anche se qualcosa ti turba, ti  fa  male   e ti rende  fragile allora puoi  dirti che in mezzo tutto il casino della vita e le sue provocazioni non stai perdendo il cuore:quindi sei salva.

Il lato positivo e strano
Mi è accaduto che mesi fa ritagliai da un giornale una cosa che mi piaceva tanto,seguendo il bizzarro consiglio dei tanti guru del potere dell’intenzione  mi piace giocare con queste cose,  questa cosa per  me non era  alla mia portata, fin dei conti non dicono forse chiedi e ti sarà dato,così ho chiesto in grande.
Quando  sabato mattina seduta davanti ad un bravo venditore fra preventivi e possibili scelte ero quasi in lacrime e senza speranza il bravo venditore cerca cerca mi dice – oh guarda fine marzo inizio aprile mi entra questa “…” bianca a questo prezzo”…” –.
La mia reazione incredula, sudavo- non ci credo non ci credo, voglio crederci,devo crederci-
Lei quella della foto nel cassetto! Santo potere dell’attrazione!.
Tornata a casa ho aperto subito il cassetto ho tirato fuori la foto, è lei!
Certo manca in piccolo scoglio da superare il finanziamento…ma comunque credetemi   comprarla nuova per me sarebbe stato impossibile,trovarne una di soli due anni a quel prezzo impossibile, e ora si materializza  la   possibilità, ho preso fiato lentamente,sorriso, volevo saltare.Il miracolo,spero il primo di una lunga serie,ora devo solo pensare che andrà tutto bene- è mia,è già mia-.

Fase cazzeggio oggi



Oggi è una giornata che un numero x di persone ama mandarmi a fan culo, può  anche darsi che abbiano ragione.
Oggi è una giornata in cui vorrei che il presente fosse solo un ricordo di domani.
Oggi è un giorno di quelli che sapessi dov’è quel posto al mondo che mi assomiglia vorrei andarci.
Oggi è un giorno che mi sento radicata al mio passato e vorrei sradicarmi.
Oggi è una giornata di quelle che prenderei il presente e vorrei frantumarlo come si frantuma un vaso di terracotta che cade,prenderne i cocci e gettarli via con un gran senso di liberazione.
Oggi è oggi…punto
Domani è un altro giorno e per fortuna le cose possono cambiare.

                Sarà  anche stupida per alcuni ma questa è la canzone giusta per oggi

Fase cazzeggio:Lilly

 

Bene…bene sono contenta oggi finalmente io e la Lilly siamo riuscite a incontrarci.
Abbiamo parlato e parlato.
Strano come a volte si parla di più con chi  prima d’ora non hai mai visto ma solo email e commenti nel blog.
Certo un po’ mi conosco sotto sotto sono un po’ timida, si intravede se si ha buon occhio.
Non sono certo una  espansiva, lo so,della mia difficoltà con gli abbracci se n’è già parlato nel blog di
Adhara
Comunque è stato bello incontrare una persona che leggendo il mio blog sa di me più di quanto sanno alcune persone che mi vedono  tutti i giorni.
Sono contenta.

Quando la verità si presta alla menzogna

Quando Krishnamurti sciolse l’Ordine della Stella Orientale usò una storiella in apertura del suo discorso che vale più di mille parole per far comprendere qual è l’ istante e in cui una religione,un ordine, un’organizzazione nasce.E perché  deve finire.

Ricorderete la storiella del demonio che passeggia per la via con un amico; a un certo punto, davanti a loro, un uomo si china a raccogliere qualcosa per terra, lo guarda e se lo mette in tasca. L’amico chiede al demonio: “Che cosa può aver raccolto quell’uomo?” “Ha trovato un pezzo di verità”, risponde il demonio. “Ah, è un brutto affare per te, allora!” osserva l’amico. “Oh, niente affatto – replica il demonio – adesso farò in modo che la organizzi.”Krishnamurti 

Se vi interessa l’intero discorso lo trovate a questo link
Discorso di scioglimento dell’Ordine della Stella d’Oriente.

Se non provi non potrai mai saperlo…l’ottimismo

Di quanto scritto sotto molte punti ho cercato e cerco di applicarli, a volte a condurmi per queste strade è un qualcosa che sento a priori dentro di me.
Provare non fa male, o forse in certo senso sì quando dobbiamo ammettere qualcosa di noi che non ci piace e i nostri errori ma credo che ne valga la pena,almeno per me n’è valsa,moltissimo.

                                                       Il credo dell’ottimista

Prometti a te stesso:

Di essere così forte che niente potrà turbare la tua pace mentale.
Di augurare salute, felicità e prosperità a tutte le persone che incontri.
Di far sentire a tutti i tuoi amici che in loro c’è qualcosa.

Di guardare il lato luminoso di tutte le cose e di fare in modo che il tuo ottimismo diventi realtà.
Di pensare solo il meglio, di impegnarti solo per il meglio.
Di essere felice del successo altrui come se fosse il tuo. Di dimenticare gli errori del passato e di tendere verso maggiori conseguimenti futuri.

Di essere sempre allegro e di donare un sorriso a ogni creatura che incontri.
Di dedicare così tanto tempo al tuo miglioramento da non avere tempo per criticare gli altri.
Di essere troppo grande per albergare preoccupazioni, troppo nobile per accogliere ira, troppo forte per provare paura e troppo felice per permettere che si creino problemi.

Di avere una buona opinione di te stesso e di proclamarlo al mondo, non con grandi parole, ma attraverso grandi azioni.
Di vivere confidando che il mondo sia dalla tua parte, finché segui sinceramente la tua parte migliore.
                                                    da Logopsicosofia

Fase cazzeggio le domande di Rob

                           Quando dicono “Sii te stesso”, di quale te stesso parlano?
                                                             Rob  Brezsny

                                    Non le sentite ma mi sto facendo un sacco di risate…
Quando mi dicono sii te stessa,mi sono sempre chiesta “chi sono davvero,quando sono  veramente me stessa?…in verità sono sempre me stessa anche quando fingo di essere un’altra,altrimenti non sarei più io.



                                                                                                                                                                  

Leggerezza un bisogno dell’anima



                                                    immagine di  Salvatore Serra
Come è vero che sognare ad occhi aperti è necessario altrettanto è vero che la leggerezza  ci aiuta  a non soccombere sotto il peso del quotidiano.
Leggerezza è fare tutto ciò che la mente razionale non cataloga e non etichetta.
Leggerezza non è superficialità ma è rimanere connessi alla parte ludica di noi stessi.

Osservare le nuvole,fare le smorfie allo specchio,dipingere con le mani, contemplare la bellezza,creare con l’istinto e l’intuizione…Leggerezza è abbandonare per un frangente l’adulto ormai stanco e assuefatto da preconcetti e credenze; è tornare bambini.

La leggerezza smette di essere un dono col passare degli anni e diventa un  giardino da coltivare da cui estirpare erbacce e seminare variopinti  fiori.

Nella società di oggi la ricerca della “leggerezza” è all’ultimo posto o viene ricercata attraverso mezzi e atteggiamenti che si rivelano distruttivi.

La nostra mente razionale può negarne il bisogno ma di fatto la spasmodica ricerca del brivido, dell’eccitazione e dell’inusuale testimoniano lo stato di necessità in cui vive la nostra anima di lasciare andare,non pensare,liberarsi dalle catene, scrollarsi via il grigiore; di darsi una possibilità in più:quella di scoprire  che un altro modo di vivere  è possibile e che non tutto è perduto.

Una ruga

 

                              Di fatto fra i solchi di una ruga scorre una storia.La tua.

Vi sono due ragioni precise per cui ad un certo punto una ruga compare sul tuo viso.
La prima in segno di trionfo puoi dire fin qui di avere veramente vissuto, la seconda  se non hai veramente vissuto allora ti sta dicendo che sarebbe meglio che inizi.
Il tempo scorre e se ne fotte di tutte le cose che vuoi o devi fare,quindi affrettati,con calma ma datti una mossa.
Vi è anche una terza ragione, probabilmente ti sta dicendo che ti sei rincretinita hai preso troppo sole o hai passato più tempo al solarium che a fare qualcosa di meglio per te stessa  quindi  rinsavisci  -sei bella anche bianco latte-
Si  da il caso che le rughe compaiono anche  perché piangi troppo oppure perché ridi troppo,nel primo caso smetti nel secondo vai avanti.
Le rughe si  possono tirare,lisciare ,riempire con il filler ma i rimpianti,i sensi di colpa,la mancanza di classe e stile non li cancelli.Impegnati in altro.
Curati pure,amati intensamente,ma appunto ho scritto amati!Non autodistruggerti per troppo amore per verso il corpo,trascurando il suo reale contenuto.Te stessa.

Per finire fra qualche anno sarà meglio che io rilegga questo post.Mi servirà. A volte si predica bene e si razzola .

“ Lasciami tutte le rughe , non me ne togliere nemmeno una. Ci ho messo una vita  a farmele venire “ Anna Magnani

Sognare ad occhi aperti

“Pensa, credi, sogna e osa. Walt Disney Se puoi sognarlo puoi farlo.
Walt Disney”
sognare
Vorrei...
Vorrei...
Sognare ad occhi aperti.
Immaginare il mondo
per quel che non è.
Stupirmi ancora,
ancora...
Come quando da bambina
vivevo la vita,
solo perché così doveva essere.
Nessuno mi chiedeva niente,
nessuno mi imponeva niente...
Vivevo solo per la gioia di vivere!
In cambio solo baci e amore.
Com'era bello donarli e riceverli.
Vorrei...
Vorrei...
Indossare ancora una volta,
quel vestitino fresco e colorato
che mi rendeva libera di muovermi.
Libera di camminare
lungo una strada lucente,
scaldata dal sole,
in cerca dei miei perché ...
Vorrei...
Vorrei...
Ssssssh... Sto ancora sognando...
Svegliatemi piano,
piano... piano... piano...
Caterina Russotti
Se sogni ad occhi aperti vi può essere il caso che ciò sogni non si realizzerà totalmente ma sappi che sognare ad occhi aperti ti migliora perchè...
Generalmente si sognano due cose:
Cose che vuoi fare e cose che vuoi dire.
Sogni la persona che vorresti essere o meglio ciò che in realtà sei ma per timore nascondi.
Bene allora smetti di sognare e inizia a farlo a piccoli passi,anche solo un gesto o una parola sognata ma inizia...Scopri i tuoi desideri,le cose che ti piacciono,scopri chi sei attraverso i tuoi sogni ad occhi aperti.
Se puoi farlo in sogno puoi anche farlo davvero.Senza fretta,piano piano senza paura.

Fase cazzeggio Immagini

Sono completamente priva di parole ultimamente…allora lascio spazio a chi a qualcosa di bello da dire
                                            Questo questa mattina mi serviva di sentirmelo dire
                                                           Questo mi piace molto

qui c'era una foto il propietario a chiesto gentilmente di toglierla perchè ho infranto tutte le regole  delle licenze e cose varie...






             Questo è quanto ho compreso e mi è accaduto nella vita…sono in queste poche righe
senzadite

Link alle immagini
1https://plus.google.com/u/0/110004145461715647276/posts
2 https://plus.google.com/u/0/+FemminilitaestileIt/posts
La terza non ricordo dove l’ho trovata

Tutto quello che vorrei

 

Tutto quello che vorrei per te è che tu possa ancora credere nella vita.
Vorrei che i tuoi occhi potessero vedere tutto ciò che si nasconde dietro la realtà.
Tutto ciò che vorrei  insegnarti è che senza sogni non crei la tua vita.
Senza riuscire a credere in ciò che non si vede non potrai mai rendere possibile l’impossibile.
Vorrei tanto che tu possa in qualche modo attraversare quella dimensione che un giorno ho attraversato,ti sorprenderesti di quanto può esistere a tua insaputa.Ti sorprenderesti di come i sogni si creano o si possono dissolvere con un solo tuo cenno.
Ti meraviglieresti di come in verità tutto è più semplice di come appare.
Vorrei tanto che tu possa stare in silenzio e in quel silenzio ritrovare te stesso .

Vorrei tanto…

Incredibile come un libro

 

E' incredibile come un libro, pagina dopo pagina, parola dopo parola, possa creare innumerevoli sensazioni diverse a tutti quelli che in quel momento sono assorti nella lettura e per un attimo si staccano da un mondo stressato, vulnerabile, molte volte pesante; fatto di continui ostacoli che non finiranno mai, trattenendoci sempre di più. Spesso un libro o un capitolo con milioni di caratteri, può darci la carica giusta nell'affrontare giorno dopo giorno la nostra vita, i nostri desideri. I libri ci guidano nell'immaginazione, ci fanno sognare, ci attraggono, ci impressionano, ci fanno viaggiare con la fantasia e ci tolgono quel velo di malinconia che a volte è più forte della nostra forza di volontà. Le mie letture, le studio, le interpreto cerco in qualche modo di capirne il senso, penso che fino ad ora mi hanno sempre aiutato, ho aperto gli occhi su tutto quello che prima in me non andava bene, posso dire che ho vinto una battaglia con me stessa; e come un'atleta, ho superato gli ostacoli che la vita ogni giorno mi ha sempre presentato. W i libri!

da Cristina Aloisi

…Incredibile come un libro a volte pagina dopo pagina racconta di te.Ti leggi,ti vivi,sogni,plani,distruggi e ricostruisci.

Questione di punti di vista

Non vediamo le cose come sono, ma vediamo le cose come siamo! C.G. Jung

Difficilmente mi trovo in disaccordo con Jung…tanto meno in questo suo pensiero.

Fase sfasamento

Sono in una fase di “sfasamento” due settimane fuori dal mio mondo,fuori dai miei giorni:..ritmi diversi, condivisioni più o meno forzate  e il mio blog lasciato vagare senza parole…sono rientrata ma mi sento più smarrita di quando sono partita.

Ritorno nei soliti luoghi,rivedo le stesse facce.Caspita dovrebbe esserci piacere in questo,certo facendo  uno sforzo zen di trovare il meglio dove il meglio non lo vedi può darsi che un filo di gioia la provi,in realtà la reazione è irritante se non “asettica” priva anche di irritazione.Praticamente amorfa.
Eppure sono andata dritta come un treno,lasciando dietro pigrizia e sfasamento.Mi sembrava di essere in un luogo alieno, altro che nel posto dove tutte le sante mattine  metto piede da almeno otto anni.
Sfasamento e uno strano senso di smarrimento…come se non era  lì che avrei dovuto essere ma chissà dove e a fare cosa.

Ogni tanto cambio dimensione,entro nell’altra mia vita e da lì osservavo la situazione, tutto ha il sentore di un ricordo lontano…dall’altra mia vita dove  sono chissà dove e a fare chissà cosa tutto appare come un ricordo di ieri.

Sveglia! Tornata la presente:tutto sommato non è tutto così brutto come sembra ma solo appena appena irritante.

Dopo le fasi di ribasso seguono sempre le fasi a rialzo…attendo che il trend cambi…il trend in generale,quello a lungo termine per essere chiari, è a rialzo  da due mesi,questa fase  la considero solo una fase di consolidamento prima di ripuntare in alto.

Fase cazzeggio il sole

Eppure nonostante la pioggia,il grigio,l'affolamento dei pensieri accatastati l'uno sull'altro,
nel cuore il sole non smette di risplendere,mi sorprende,mi meraviglia...
Risplende fra una fessura e l'altra di rabbia e pace
Semplicemente risplende
forte