Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Il quinto compito servire il Non razionale

                                                             Il bucato

2d055d74ef2cb4b56cca2bcad2adf73c

La Baba Jaga, la Madre Selvaggia,è la maestra che possiamo consultare.Insegna  l’ordinamento della casa dell’anima. Installa all’Io un ordine alternativo,dove ha spazio la magia, la gioia, e l’appetito è intatto, e le cose si fanno con piacere.
La Baba Jaga è il modello dell’essere conforme all’io.Insegna sia la morte sia il rinnovamento.

“…Vassilissa chiede alla Baba Jaga il fuoco: le sarà dato se in cambio eseguirà alcuni lavori domestici.”

Restare con la dea Strega,acclimatarsi nei grandi poteri selvaggi della psiche femminile.Arrivare a conoscere il suo (vostro) potere e i poteri delle purificazioni interiori; non contaminare ma ordinare, nutrire, creare energia e idee (lavare gli abiti della Baba Jaga ,cucinare per lei, pulire casa, separare gli elementi).” La Baba Jaga attraverso i compiti che impartirà a Vassilissa gli insegnerà come prendersi  cura della casa della psiche del femminino selvaggio.

Il bucato.Il bucato è un simbolo favoloso.
Lavare qualcosa è un rito di purificazione senza tempo:Non significa solo purificare ma anche, come nel battesimo,immergere,inzuppare,permeare con un numen spirituale e col mistero.
Nel racconto il bucato è il primo compito.


Nel racconto la Baba Jaga incarica Vassilissa del bucato per riportare all’aperto, alla consapevolezza, le tessiture della tela della  delle Madri della Vita/Morte/Vita  dalle tre Parche.Queste Madri insegnano  alle donne la sensibilità a quanto deve morire o deve vivere, a quanto deve essere cardato e a quanto deve essere tessuto.
Gli indumenti sono come noi. mille volte indossati, finché idee  e valori non si allentano per il passare del tempo.Il rinnovamento, la rivivificazione, avvengono nell’acqua, nella riscoperta  di quanto consideriamo vero, di quanto riteniamo sacro.

È facile immaginare che ì segni del potere e dell’autorità della Baba Jaga- gli indumenti- siano a immagine e somiglianza del suo modo di essere: forti, durevoli.Lavarli è quindi una metafora attraverso la quale impariamo a prendere atto e ad assumere questa combinazione di qualità, e anche a selezionare, accomodare ,rinnovare tali qualità mediante la purificatio, il lavacro delle fibre dell’essere.

Estratto da Donne corrono coi lupi di Clarissa Pinkola  Estés

La prima parte del racconto di Vassilissa la trovi qui  Vassilissa,il valore della bambola

Immagine con testo di Gabry

La saggezza: Jnana Mudra e Chin Mudra

 “Saggio è colui che seppellisce il passato, vive il presente e guarda con ottimismo al futuro”

La vita ha molte sfaccettature e quindi comprende anche la saggezza. Sono sicura che in certe circostanze pensate,parlate e agite con saggezza.Siamo saggi nel momento in cui siamo disposti ad imparare dalle nostre esperienza e a mettere in pratica con gioia le cognizioni  acquisite.

Che significato ha il concetto di saggezza,ci impadroniamo del sapere attraverso lo studio , i libri e altre fonti di insegnamento.Al contrario la saggezza ci deriva dalla vita e dalle sue innumerevoli sfide, ma soltanto se siamo disposti a ricavarne una lezione.

In oriente il simbolo della saggezza è veicolato dal seguente gesto, che impartisce un insegnamento e corrisponde a due mudra: Jnana Mudra e Chin Mudra.
Questo gesto vi aiuta quando desiderate chiarezza in una situazione confusa. Esso rischiara lo spirito, mostra ciò che è importante e trasmette idee che possono concretizzarsi in soluzioni efficaci. A  un livello superiore questo gesto porta nella nostra vita spirito divino, prospettive chiare ed entusiasmo riguardo ai nostri propositi.

In India questi due mudra sono i più sacri, noti e importanti.Il pollice simboleggia lo spirito divino e l’indice lo spirito umano. Il senso della nostra esistenza risiede nell’essere e nel vivere  in collegamento con i due spiriti.Le tre dita allungate rappresentano i tre aspetti di una grande forza: l’agire divino, la letargia e l’ordine (l’equilibrio).

Questi mudra attivano la secrezione di ormoni della felicità nel cervello.Essi portano chiarezza mentale,rafforzano i nervi, favoriscono i processi di secrezioni ed esercitano un’azione benefica sui polmoni.

La mano destra va tenuta davanti  al petto,il palmo va rivolto verso l’esterno, la mano sinistra è appoggiata sul grembo con le dita rivolte verso l’alto .

 

Hasta Mudra: Chin MUdra et Jnana Mudra

+

Estratto da Il potere dei Mudra di Gertrud Hirschi