Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Fase cazzeggio: Un po' stanca ma anche un po' orgogliosa di me stessa tutto sommato.




Anche per questa volta ce l'ho fatta,ho tagliato il traguardo...un'altra impresa per me titanica;ognuno ha le sue fobie,l'ho superata a pieni voti.Ci sono persone per cui giudare è normale,c'è chi esce dai soliti confini e si butta all'avventura della guida: sa da dove parte ma non come arrivare alla meta ma lo fa con tranquillità;io entro nel panico se non so come arrivarci alla meta.Con  poche indicazioni e una una donnina di 83 anni che mi ha fatto un po' da navigatore  sono partita alla volta di Volterra.Madonna signore...
Io soffro di vertigini,tutto quel salire per le colline mi sembrava quasi un delirio,avrei chiuso gli occhi ,non potevo farlo.Finalmente quella interminabile salita è finita.Sono arrivata incolume,psichicamente intendo.

All'ospedale di Volterra ho lasciato il mio "topo",lui è arrivato con l'ambulanza dall'ospedale di Cisanello...gli hanno fatto un check up completo,poi  un tour della struttura, l'hanno istruito sulla giornata tipo.Ci resterà, spero, solo per due settimane per la riabilitazione.
Non era molto gioioso.Lo comprendo.

Di fatto sono sfinita...per la guida saliscendi, per lui là tutto soletto e perchè domenica dovrò tornare a Milano per forza...

Va bene il peggio è andato...ora ci sono i dettagli da aggiustare.

Solo un mese fa non l'avrei mai detto che sarei riuscita a fare tutto quello che ho fatto in queste quattro settimane,compreso avventurami su strade inesplorate delle colline toscane.

Lo so è tutto molto sempliciotto questo mi scritto...sto solo ammazzando il tempo...cerco di rilassare la mente.Prendo tempo...non vedo l'ora che lui torni a casa e che tutto riprenda a scorrere come prima,meglio di prima.

Fase cazzeggio ...eppure la vita ti parla,ti guida in mille modi strani.

 
Ci sono istanti in cui consapevolmente mi rendo conto che la vera forza
che traina in questo periodo è il fatto di sapere che tutto è passeggero.
Fatti che non hanno alcuna permanenza che tutt'al più possono solo darmi una visione diversa delle cose
aiutarmi  a mettere in atto strategie efficaci  attingendo a risorse che nemmeno pensavo di avere.
Negli anni si leggono libri,s'imparano lezioni di vita altrui,ti chiedi -a cosa mai ti serviranno un giorno?-.
Metti queste letture su un scafale,quasi le dimentichi.
Poi un giorno accade che  improvvisamente riemergono e comprendi a  cosa" ti sarebbero servite un giorno".
Strano è come se attraverso libri,le parole altrui e molte altre cose in un certo qual modo si possa interpretare il proprio futuro e la strada su cui ci stiamo avventurando.
A quel punto basta solo svoltare per cambiare preventivamente le cose.
Lo so tutto questo è strano,nemmeno facile da spiegare.
Ma ogni qual volta che ho detto -a cosa mi servirà d'imparare questo-perchè era qualcosa che vedevo d'improbabile o impraticabile per me,anche a distanza d'anni invece si è dimostrato come una manna dal cielo il fatto di esserne venuta a conoscenza prima, permettendomi d'agire con instinto e sicurezza,o di poter accingere ad una tecnica efficace per arginare il problema se non addirittura per risolverlo.
Parlo anche di cose futili,veramente banali....ma se quel giorno in fila al supermercato non avessi sentito una signora parlare di una x cosa non avrei avuto la soluzione pronta il giorno che quella x cosa è entrata
nella mia vita.

L' arcobaleno che ti protegge

Dopo l'ultimi avvenimeti di queste tre ultime settimane,compagno in ospedale,pesce rosso addottato,una telefonata da una collega che mi ha irritato,mamma lasciata "quasi" sola a Milano(ma se la cava alla grande),il mio gattone in trasferta da mamma, una pila di cose da pagare lasciate in sospeso...superati tutti gli scogli iniziali del trambusto,contenta che il mio compagno stia ritornando gradualmente sano come un pesce,chiarito alcuni punti di questa mia lunga assenza dal lavoro con capo "uno" e capo "due", sono stancaaa.

Questa sera fra le quattro mura ristoratrici del mio mini rifugio sono tornata a leggere uno dei miei blog preferiti e ho trovato questo esercizio che mi piace.
Mi piace l'idea di avere un arcobaleno sopra la testa che mi protegge.Condivido nel caso vi serva un arcobaleno.
Riporto pari pari,copio e incollo, troppo stanca per scrivere:
Avete poca energia e non riuscite a risolvere i vostri problemi? I russi propongono un interessante e semplice esercizio che aiuta a recuperare il campo energetico-informazionale. Per il suo pieno ripristino l’esercizio va fatto va fatto per 40 giorni di seguito. La costanza è fondamentale!
In piedi, le braccia allargate di lato, all’altezza delle spalle, i palmi delle mani rivolte verso il cielo. 
Inspirando alzatevi in punta dei piedi e visualizzate un bell’arcobaleno che esce dal palmo della mano sx ed entra nel palmo della mano dx.
Espirando, abbassatevi, visualizzate che l’arcobaleno ritorni nella mano sx, passando sopra la vostra testa.
Così 8 volte.
L’esercizio va fatto al mattino.
Durante la giornata l’arcobaleno farà il suo lavoro proteggendovi dalla negatività e ripulendovi. I cicli di 40 giorni vanno ripetuti due volte all’anno.


http://divinetools-raja.blogspot.it/
La Via del Ritorno... a Casa

Fase cazzeggio Sfizz il pesce rosso


 

 Quattro giorni fa la vicina di casa del mio compagno suonò al mio campanello con faccia sorridente mi disse:- puoi tenermi il pesciolino rosso,torno domani pomeriggio con un altro contenitore e coperchio a riprenderlo-.Ovviamente accolgo il pesciolino in casa.
La signora era in via di trascoloco.Sono passati quattro giorni e della signora nemmno l'ombra.Ormai credo che il pesciolino abbia a sua insaputa subito un abbandono forse intenzionale: che se ne sia dimenticata?.Non ne sono convita il marito voleva buttarlo nel wc.
Ora non mi resta che trovagli un posto sicuro,momentaneamente alloggia in camera,giù in sala lontano dalle zampe leste  di Paco il bandito(il gatto),compragli da mangiare e comunicare a Franco che quando tornerà dall'ospedale troverà un inquilino in più.Ohimei,ma non poteva dirmelo subito se lo volevo tenere io?.






Fase cazzeggio Un po' di trambusto





Qualche venerdì  fa avevo scritto nel blog La tana africana che avrei partecipato alla sua iniziativa Con parole altrui ,poi invece un impegno poi ancora un altro,e in fine un evento che mi ha sconbussolato la vita...ora respiro un po' più lentamente...un po' più serena...tutto solo un po' di più perchè ancora tutto non è passato.

Scrivere mi manca un po',però non ho molte parole ma al medesimo tempo desidero procedere con  le mie solite cose,come scrivere.Per non interrompere il ciclo della mia esistenza e lasciare che cose belle imparate non vadano perdute,per non sconbussolare il mio equilibrio,per non permettere ad eventi poco simpatici e un po' traumatici di avere il sopravvento.Il famoso adagio orientale"nella tempesta sii come una palma flettiti", flettersi mantenedo la via,le piccole cose quotidiane e ribaltandone alcune è per me un rito propiziatorio.Positivo.

Sinceramente nella testa in questo mometo non ci sono parole altrui,se non  il messaggio di una cara amica,lo ritengo personale e me lo tengo per me; che possano  in questo momento emozionarmi come una canzone,un'aforisma,una poesia...Così ho cercato a caso qualcosa che mi ispirasse,che cadesse a puntino in questo momento di trambusto e ho trovato questo aforisma:


Con ordine, affronta il disordine; con calma, l’irruenza. Questo significa avere il controllo del cuore.
Sun Tzu, L'arte della guerra, ca. V sec. a.e.c.


Sì.è decisamente azzeccata.