Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Fase cazzeggio: Le parole che vorresti sentirti dire





 Amo "ascoltare" le persone raccontarsi. La lettura è un ottima attività d’ascolto, un ascolto particolare  privo di suono  ed espressioni, un ascolto  cieco e sordo  che richiede fede in quel che leggi  non vi sono  altro che righe  formate da parole . Eppure è un ascolto che se usato in modo appropriato riesce persino  a donare  la  vista all’intelletto e accrescere l'intuizione.

Leggere fra le righe richiede il "crisma" del  non-giudizio con cui impartire a chi scrive il "sacramento di esistere" per quel che è. è un attività  più che di riflessione di percezione  delle sensazioni interiori degli altri.
Ragionamento e  razionalità possono fuorviare e portare lontano dal vero intento d’espressione dell’autore. Non serve a nulla se nel contempo che leggiamo  dialoghiamo  con noi stessi  al fine di costruire  una critica totalmente negativa o positiva che sia in tal caso la nostra personale visione e percezione si sostituisce a quella dell'autore.
Possiamo permetterci di avere tutto il tempo che volgiamo,  a differenza del dialogo verbale che avviene lì per li con la lettura  abbiamo tutto il tempo di rimandare a domani ogni qualsivoglia risposta lasciando scemare ogni atteggiamento stizzoso e superbo del nostro io, abbiamo tutto il tempo di studiare e osservare quali sensazioni ed emozioni suscita questo semi dialogo non-verbale in noi, perché al di sopra di tutto per  la buona riuscita del gioco bisogna  rivolgere lo sguardo a noi stessi rispecchiandoci nelle parole degli altri non viceversa, senza fare discernimento fra chi dice bene  o male, chi ha ragione o torto...ti devi solo rispecchiare con tutte le distorsioni possibili.

La regola quindi è che  quando leggiamo gli scritti degli altri; di qualunque natura essi siano, è quella dell’ascolto silenzioso senza pensieri di sottofondo combattendo contro ogni giudizio o pregiudizio, questa “mia personale regola” vuole ricordarmi che non è la mia persona ad esprimersi  ma è il frutto dell'altrui coscienza e che desidero solo osservare quale effetto provoca dentro di me.

Sondare l'interiorità di se stessi  a volte sconosciuta anche all'autore stesso in alcuni casi fa emerge  un “io” imbestialito, rancoroso, in altri  si eleva al livello della stupidità, cosi come l’ignoranza può manifestarsi con un fraseggio nonsense, in molti altri casi  invece emerge  tutta la pienezza dell’anima, della conoscenza e dell’esperienza ma di fatto nel bene e nel male tutti siamo lì con la nostra storia e la nostra verità.

A volte invece può succedere che spinta da un strano smanioso bisogno  frugo fra gli scritti degli altri alla ricerca delle  parole che vorrei sentirmi dire.
Quando mi incammino verso questo tipo di ricerca so già dall’inizio che ciò che ricerco sono esattamente “quelle parole” di cui ancora non ho prova della loro esistenza, ancora non hanno consistenza né dentro di me né ho prova che esistono davvero  ma  qualcosa mi dice: -che, si! Da qualche parte esistono- .
Sono quelle parole che raramente hai occasione di sentirti dire ma dentro di te  vivi lo struggente  bisogno che ti vengano dette, o semplicemente  non arrivano quando dovrebbero e solo allora la mia diventa una ricerca senza sosta né stanchezza risoluta a proseguire la ricerca mai abbastanza mai abbastanza appagata.
 Fino a quando una notte persa nella spasmodica  ricerca  finalmente "udii"  da un racconto un breve scambio di battute fra due persone avvenute al momento di salutarsi dopo aver  insieme  percorso  un ricco lungo  viaggio in treno, un viaggio compiuto fra  sensazioni e scoperte interiori fra due persone che prima di allora era due perfetti sconosciuti l'uno per l'altro.
Eccole finalmente ! Le parole che volevo sentirmi dire: “-Ricorda ancora: “la notte è incinta ”! Partorirà sempre un nuovo giorno.
-Per cui non aver mai timore, amico.”

Non avere mai timore”  leggerle  mi regalarono forza ed entusiasmo.

Quel “non avere mai timore” arrivò  direttamente  nelle orecchie del mio profondo,si trasformarono  in un abbraccio  rassicurante e protettivo, fu un po'  come ricevere  il bacio della benedizione sulla fronte. Chi non ricorda; se almeno una volta nella vita ne ha ricevuto uno, la fantastica sensazione “d’immortalità” seppur passeggera che lascia impresso sulla pelle e nell’anima.
Chi più ti ama ti benedice nel nome di Dio o degli dei, e a te mai potrà accadere nulla, nulla che non possa risolversi al rinascere di un nuovo giorno, sei benedetta dall’amore di chi ti ama, ora e per sempre.






3 commenti:

Carolina grazie, è un post meraviglioso.
Le tue considerazione donano proprio quelle parole che uno cerca e che non sa ancora bene quali siano, ma le sente che spingono dal di dentro come un fuoco, come una potente energia che aspetta di essere liberata.
Un abbraccio e un :-).

 

Ma sai che è proprio vero?
Accade leggendo i blog, accade leggendo i libri. Accade perfino ascoltando le conversazioni di persone che non conosci mentre aspetti all'aeroporto o alla fermata del treno. E questo è meraviglioso... è come se ci fosse una Potenza che aleggia intorno a te e ti porta, lieve, quello di cui hai bisogno, proprio in quel momento. E questo si che fa sentire amati!
Buon fine settimana.

 

Posta un commento