Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

...Un sentimento che lacera

Approfitto di un nano secondo di calma,per scrivere un post, per lasciare scorrere qualcosa che altrimenti diventerebbe dinamite...non scriverò molto il grande Rob per ironia della sorte o per caso ancora una volta non arriva a caso.

Mai previsione fu più vera
Qualche tempo fa la Paris Review ha pubblicato un servizio sul romanziere William Gass. A un certo punto il giornalista che lo intervistava gli ha chiesto perché scriveva i suoi libri. “È una domanda molto stupida”, ha commentato Gass in tono sarcastico, ma gli ha risposto comunque dicendo: “Scrivo perché odio. Tantissimo. Con tutto me stesso”. In altre parole, i suoi motivi principali per esprimersi in modo creativo sono l’odio, il rancore e l’ostilità. Ti prego di non adottarlo come modello, Capricorno. Né adesso né mai. È essenziale per il tuo benessere presente e futuro che nelle prossime settimane tu non ti lasci trasportare dall’odio. Anzi, più ti lascerai guidare dall’amore e dalla generosità e più probabilità avrai di dare l’avvio a un periodo fortunato che durerà per un bel po’ di tempo.

Soltanto ieri è qualcosa che mi ha trapassato, mi ha sfiorato, mi si è insinuato  nell'anima, ho provato odio verso una persona...ed è l'ultima cosa che avrei voluto.

15 commenti:

Lato oscuro... Strano, anche io nei giorni scorsi ho provato sentimenti distruttivi e potentissimi.

Non li voglio neppure io, ma neppure li voglio "giudicare". Forse bisogna semplicemente essere consapevoli che ci sono.

 

IN FATTI SONO NELLA FASE DUE, LO STO ACCETTANDO...PRENDO ATTO CHE è UN SENTIMENTO CONFLITTUALE CHE è IN ME, MI STO QUIETANDO :-).
nON GLI RESISTO, NON LO GIUDICO LO LASCIO VIVERE.
mI DISPIACE SOLO CHE CI SIA, E QUEL CHE NON COMPRENDO SE è PER UNA FORMA DI EGOISMO,ESASPERAZIONE,DEBOLEZZA, O SE DI FATTO ANCHE UN SANTO NELLA MIA STESSA SITUAZIONE ARRIVEREBBE ALLO SBOTTO, E A LASCIARE CHE CHI NON VUOL ESSERE AIUTATO PROSEGUA A VIVERE UNA NON-VITA.
uN ABBRACCIO

 

Ciao Carola, bentornata! che dire...purtroppo io odio, e così tanto spesso che è diventato quasi un modo normale di esprimermi. Non so quanto posso farmi bene. Ogni tanto però ci vuole...Ti abbraccio forte!

 

Grazie Lilly,odiare non fa mai bene nessuno, ma è assai difficile esserne esenti totalmente.
Nella vita da che mi ricordi ho provato rabbia,ribellione,e qualche volta una forma di repulsione istintiva, ma odio vero, con la volta scritta sopra credo di averlo provato tre volte,e credo che Lilly anche tu forse hai provato tutto quel mix di sensazioni ma odio vero non credo che tu ne sia davvero capace,ma piano piano ci si arriva quando quel cocktail di sensazioni diventano indomabili.Lilly conosco una persona che odia, si sta autodistruggendo, guarda verso l'esterno e ben poco dentro di sè, e quel che è peggio è che quel disprezzo verso quasi tutto e tutti dilaga e investe anche chi gli è vicino, e quel che io voglio è rimanerne fuori senza farmi inghiottire dal malessere di qualcun altro, abbruttirmi a causa di qualcun altro.
È stata una veloce ma brutta sensazione quella di provare odio, in risposta all'odio stesso, è stato come rimanre imprigionata nel giogo di qualcosa di non buono e annullare la mia personalità, ho commesso più violenza a me stessa in quei pochi minuti che in una discussione infervorata, non sono immune da odio accettarlo e lasciarlo scivolare via è stata la cosa migliore che sia riuscita a fare, in fatti è svanito, ma non è un sentimento che mi appartiene e che nemmeno ha ragione di esistere nella mia vita.
Quella persona ha problemi,ma quel che non comprende cè che lui l'arteficie di tutto.
Un abbraccio grazie di essere sempre presente appena puoi.

 

Giusto e sbagliato... Sono cose fuori dal concetto di odio. L'odio sta nelle nostre viscere e non è giusto, né sbagliato: semplicemente c'è.

Giusto volerlo rimuovere, non fa bene: ma invece di chiedersi se è giusto o sbagliato provarlo, bisogna rimuovere la causa.

E la causa dell'odio è quasi sempre una situazione da cui non riusciamo ad uscire. A volte una situazione da cui non vogliamo uscire e odiare è più rassicurante che affrontare l'incertezza.

Ma queste sono solo... teorie. La vita ti darà la risposta: intanto... concediti di odiare, un motivo c'è e ne hai il diritto.

 

Ciao Carola, intanto ti dico che mi dispiace che stai così e ti abbraccio forte!!
Vista dall'esterno (e lo sottolineo) credo che ogni persona cambia o fa davvero qualcosa di importante per sé solo nel momento in cui sente di poterlo fare...non è mai un cosa che si innesca perché è qualcun'altro a dirti di farlo!
Ovvio tu che sei all'esterno ti disperi perché se gli vuoi bene non ti fa piacere vedere che si autodistrugge o non si rende conto di ciò che gli accade intorno perché lui non ha la tua lucidità per farlo!Tu arrivi ad odiare perché state viaggiando su due strade parallele che non si incontrano per il momento e non desiderate le stesse cose!Io ti consiglierei di non reprimere le tue emozioni sicuramente ma anche di farti scivolare addosso le sue accuse: è distruttivo per te lottare contro delle sterili provocazioni che ti avvelenano l'anima e ti tolgono energie per affrontare questo momento difficile!
L'odio si può elaborare ora non ci sei ancora riuscita...è una fase delicata che ha bisogno del suo tempo!
Ci riuscirai solo che ora non vedi ancora come ma ti sveglierai una mattina e sentirai che il cambiamento è avvenuto!
Mi dispiace...un bacio Adhara

 

Grazie a tutti :-) Come sempre troverò la strada :-)

 

Figurati: le nostre vite sono un disastro, ma buoni consigli per risolvere i disastri altrui ne abbiamo finché ne vuoi, basta chiedere ;)

 

Joker parla per te!!:-)
Adhara

 

:-) aggiornamento,la situazione è lievemente migliorata dopo il chiarimento, e speriamo in Dio che abbia capito,ciò non toglie che cammino su una via incerta :-).

Joker, dai su, non esagerare non sono un disastro :-) magari un po sconquassate,precarie,sempre alla ricerca, ma non un disastro :-).E poi se non cercavo buone parole e possibili consigli,mi tenevo tutto per me,alla fine fra tutti unendo le vostre opinioni n'è usciata una cosa buona :-)

 

Bene Carola mi fa piacere!
E sinceramente ne ero certa...hai tutte le carte giuste per giocare una buona partita e...non dimenticare gli assi nella manica che sono sempre i migliori!!;-)
Un abbraccio Adhara

 

Io parlo per me Adhara. Plurale majestatis :))
Ricordati che siamo due qui, a volte anche di più.

Continua ad aggiornarci Carola, che sono curioso: parli di questa persona come di qualcuno a cui sei legata sentimentalmente... la buttò lì :)

Auguri!

 

Ciao Adhara,dolcissima come sempre,grazie.

Joker,yess, è così...lunga storia, forse un giorno ne parlerò, sebbene a tratti ne ho parlato sempre,ma in modo impersonale, per ora è qualcosa che cerco di tenere fuori da qui.

Esiste un problema di fondo molto importante...ti ricordi cosa ho scritto nel primo commento al tuo post?Credimi fra tutti le gabbie mentali in cui si possa cadere quella della "vittima" che i problemi siano reali( e ci sono) o presunti,creati per togliersi da ogni responsabilità e a volte per giustificare fare quello che ci pare,fa di questa gabbia la madre di tutte le altre.
Grazie degli auguri:-) abbraccio

Aggiornamento...tutto scorre.

 

Ah beh, ne parlerai se ti andrà di farlo. Cmq sì, da tue parole qua e là qualcosa si intuisce :)

Sei un grande specchio per me in questo momento: la vittima è una delle mie maschere preferite (per lo meno lo è stata per tanti anni)...

Tutto scorre, segui il flusso ;)
Un abbraccio grande!

 

Grazie Carola, pantharei!!:-)

Lilly il pantharei ci serve proprio ora...scrivi scrivi!!!Bacione...sono curiosa!!:-)

Joker ripassati il plurale majestatis che è meglio!!:-D
Ad ogni modo prima che qualcuno possa affermare che la mia vita è un disastro deve passare incolume sotto tutta la mia furia!!:-P Ciao bello, vivi tranquy!!:-)
Adhara

 

Posta un commento