Self portrait: La mia primavera

La primavera.È la stagione della meraviglia e della magia in assoluto.
Alberi secchi e spogli tornano verdi e si riempiono di foglie,altri si riempiono di fiori.
Molte specie d'animali ricominciano un nuovo ciclo della loro vita.
Osservando la primavera scopro la magia.


È stato grazie alla primavera se da piccolina ho inventato il personale gioco della Fata Primavera attrezzata di bacchetta magica;diligentemente conservata dai giorni del Carnevale.
Bellissima,a stella con tanti fili colorati e argentati.
Con la mia bacchetta magica andavo toccando ogni cosa sussurrando una formula che non aveva alcun senso(almeno credo che non l'avesse,Dio solo sa cosa della nostra memoria ancestrale ci portiamo appresso).Un tocco magico per piante,fiori,coccinelle,formiche...a volte ci provavo con qualche persona ma funzionava poco.
Al tempo non avevo idea che quel tocco era inconsapevolmente  una formula di benedizione.Io benedivo tutto.

Poi nell'adolescenza la stagione della magia  diventò un po' barbosa quando i giorni meravigliosi di sole e cieli azzurri erano grigi e pieni d'acqua.
Jovanotti con la sua canzone Piove risollevò più avanti la situazione mostrandomi la cosa da un prospettiva diversa. Mi rendo conto che avrei dovuto conservare quella bacchetta, poiché insieme a lei anche Fata Primavera andò smarrita,creandomi;questo l’ho capito dopo,qualche problema.

Ma le cose si ritrovano sempre quando smetti di cercarle e meno te l'aspetti.
Così un giorno dai meandri del mio inconscio risbucarono la bacchetta magica e con lei Fata Primavera(meglio conosciuta come Fata Anarchica,ma questa è un'altra storia ancora).Ora tutto è in armonia: il cielo grigio con il cielo azzurro,il sole con la pioggia.In terra come in cielo.Amen.


Commenti

  1. Quanto è bello quando tutto è in armonia!!
    La fata Anarchica? Ahah da piccola devi esser stata proprio incredibile!!!
    Un bacio Carolina.

    RispondiElimina
  2. Questa primavera è un dolceamaro connubio di colori, sì... ci lascia boccheggiare e un attimo dopo ci lascia pensare dietro i vetri che ticchettano di pioggia...

    RispondiElimina
  3. Che bella l'immagine del gioco che hai inventato da piccola :) E che bello essere in armonia, che sia primavera o qualunque altra stagione :)

    RispondiElimina
  4. Grazie Ilaria e anche a te Maurizio.

    Sì Lola è una stagione molto mutevole,come noi.

    RispondiElimina
  5. la magia di una bambina, la fantasia di una bambina, che bello se rimanessimo sempre bambini
    ti auguro sempre di vivere con la spensieratezza di una bambina
    che bello il tuo racconto
    un bacio VAleria

    RispondiElimina
  6. ... fantastico! Pensa che io da bambino mi chiedevo dove vivesse la fata turchina!! :)
    Visto che finalmente ho trovato una vera fatina, posso chiederle gentimente di ricominciare a toccare con la sua bacchetta magica ( che ormai è invisibile perchè sei una fata adulta....) tutti gli esseri viventi che incontra per farli "rifiorire"? Specialmente gli esseri umani, perfavore, perchè sono quelli che ne hanno più bisogno....

    RispondiElimina

Posta un commento