Momenti per scrivere

 

scrivere

 

“…momenti in cui trovi la chiave giusta per il tuo testo, la metafora indovinata, un’immagine calzante, oppure la sequenza con la quale costruirai un testo complicato.
Io li chiamo “momenti magici” o “epifanie”, perché ti appare improvvisamente qualcosa che cercavi e che decide di venire verso di te o di salire da qualche profondità del tuo essere. Non sai da dove, come i sogni che ti ricordi la mattina: basta una piccola cosa e da lì – se ti fermi e ti concentri – risali a un’intera catena di immagini, pensieri, associazioni.
Come per i sogni, devi avere carta e penna a portata di mano, perché hai paura che tutto svanisca. Basta appuntarsi un concetto, delle parole chiave per essere sicuri che resteranno con te. In mancanza d’altro io lo faccio sui bordi dei giornali. Se non puoi scrivere, devi ripetere, parlare tra te e te, per fare tuo quello che ti è apparso.
Sono momenti belli, e liberatori. Perché sai che il grosso ormai è fatto: scrivere sarà solo la parte conclusiva di qualcosa che è già avvenuto e ormai ti appartiene.
Quasi mai questo succede davanti al foglio o al computer.”
Il Mestiere di scrivere

Commenti

  1. Ciao Carola! Sono momenti bellissimi è vero, ma li puoi vivere solo se ti ascolti. Io non mi sono ascoltata per troppo tempo, adesso ho questa valanga dentro che a volte faccio proprio fatica a gestire. Sono contenta però che ci sia, è la cosa più preziosa che ho adesso.

    RispondiElimina
  2. NOn ne dubito che sia la cosa più preziosa che hai dentro in questo momento, anche se credo di prezioso hai anche molto altro.

    RispondiElimina

Posta un commento