Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Scrivere il mio diario

 

"Mi sono accorta che scrivere è una lama a doppio taglio.Mi  fa stare bene,ma nello stesso tempo mi inquieta.A parte  il timore che qualcuno possa leggere queste parole,ho capito che fissare i pensieri ,cristallizzarli nella scrittura,evidenzia in maniera inequivocabile le mie contraddizioni e i miei fallimenti.Quando mi capita di rileggere queste pagine a distanza di giorni,a volte trovo pensieri che sembrano scritti da un'altra persona.Tra le righe scopro paure e desideri che non penavo  mi appartenessero.Sogni che ho dimenticato,o forse cancellato di proposito quando ho preso coscienza che non si sarebbero mai realizzati.

Scrivere questo diario mi distanzia in maniera netta dal mio passato ; per certi versi mi scoraggia vedere com'ero , cosa sognavo di essere e cosa sono diventata.Le pagine di questo diario mi spaventano e mi inquietano,soprattutto le pagine bianche che mi attendono.Se immagino il mio futuro,mi sembra di vedere la stessa identica vita monotona che si ripete,con l'unica differenza che io sarò sempre più vecchia."

da Le prime luci del mattino ( Fabio Volo)

8 commenti:

Quanto è vero Carola e ti dirò è un po' ciò che mi ha sempre spaventato della scrittura!
Ieri mi sono rimessa a leggere delle mail scambiate con un vecchio amico che ora non c' è più e mi è venuto un magone...i principi, le verità di cui non posso fare a meno, la vera me che solo in pochi conoscono c'erano tutti, ma li esprimevo e ci credevo in modo diverso!
Mi viene da chiedermi cosa sia cambiato in me da far cambiare l'atteggiamento di questa corrispondenza e rifletto su ciò che mi sembrava inguaribile, ma con il senno di poi ho constatato che non è così solo che a breve potrebbe ripetersi la stessa situazione di un tempo e l'astio legato a quella situazione!
Mannaggia all'astio legato ai legami eternamente irrisolti dove le parti crescono, germogliano e si rigenerano sempre in modi diverdi, ma l'irrisolto torna a far breccia nel cuore e lì picchia forte!
Scrivere aiuta, ma rileggere può davvero far male come una lama che lentamente penetra nella carne e lascia l'odore del sangue nel naso a ricordarti ancora di più la profondità della ferita!
Mi dispiace che questo amico non ci sia più perché non ho più modo di chiarire e dare luce a ciò che ancora insidioso si muove nelle viscere dell'anima! !
Un abbraccio,
Adhara

 

Scrivere è sempre un dramma... Ti mette davanti senza pietà alle cose che non vuoi vedere: scrivere un diario, mi ha permesso di accorgermi di alcuni "schemi" che a distanza periodica si ripetono nella mia vita.
Ora, per lo meno, ne sono consapevole... Risolverlo poi è un'altra questione.

 

Come in tutte le cose c'è la doppia faccia della medaglia. Ma da aspirante scrittore credo che i vantaggi sono maggiori e migliori degli svantaggi. Ci mette davanti la nuda verità che dovremmo accettare e non nascondere. Ci permette di conoscerci. E forse questo il problema? Conoscere noi stessi ci spaventa. Fa paura l'ignoto. "Conoscersi è morire" Beh se non mi conosco di certo non vivo.
A presto

 

Verissimo. Eppure nascondere la testa sotto la sabbia non sarebbe soluzione migliore. Ciò che ci spaventa non va nascosto sotto il tappeto, ma affrontato e risolto. Almeno per quanto possibile, va da sé :-)

www.wolfghost.com

 

a me scrivere fa bene. mi aiuta a sfogarmi, a liberarmi di un momento
Ti confesso che non mai riletto i miei scritti..a distanza di tempo mi creano sensazioni non sempre piacevole..e come andare a rivangare nel passato..meglio guardare avanti..

 

Sono in linea con tutti i vostri commenti, scrivere appare come un atto naturale, scrivere pensieri alla rinfusa sembra un non sense, ma è come per gli scarabocchi dietro a cerchi,linee e fiorellini si celano significati nascosti,tutto quello che vorremmo dire e da cui incosciamente scappiamo.

 

Certo, e poi nessuno è costretto a leggere un blog; chi non lo trova di suo gradimento può semplicemente passare oltre :-)

www.wolfghost.com

 

Vero wolfghost hai proprio ragione passare oltre, commentare o meno,...in fondo è il bello del mondo virtuale dove non si firmano contratti a cui dover per forza di cose ubbidire!
Adhara

 

Posta un commento