Pietro Verri filosofo del Caffè

 

“Io non ho mai cercata la verità nei libri. La maniera, nella quale io ho cercato di scavarla, è il mio cervello. Ho esaminati molto i miei pensieri, paragonandone gli uni agli altri, e mi sono talmente abituato in questo lavoro, che non potrei vivere senza di questa occupazione.”
Pietro Verri

 

 

Pietro VerriBiografia
Nasce a Milano il  12 dicembre del 1827 – muore il 28 giugno del 1797 a Milano
Filosofo,economista, storico e scrittore.
Ha  lui si deve che la Lombardia diventò il più grande centro dell’ Illuminismo dando vita alla rivista Il Caffè che fondò insieme al  gruppo culturale che era solito a frequentare L’accademia dei Pugni.
 
Il Caffè(il periodico),bisogna ricordare che esso nasce nel periodo in cui le botteghe di caffè si sviluppano rapidamente in Inghilterra in seguito alla diffusione dell'uso della bevanda.

I locali nei quali si serve il caffè segnano la fine della taverna, tra "il tramonto della civiltà del vino, fatta di deliri, ebbrezze, invasamenti e l'inizio della civiltà del caffè,fatta di riflessione, meditazione, chiarezza di idee".
La caffetteria diventa un luogo di incontro e di discussione, una specie di luogo reale-ideale dove si possono creare quelle condizioni adatte a far nascere i periodici con la partecipazione attiva (con la discussione) e passiva (con la lettura) dei lettori.
Fonte:Wikipedia

Commenti

Posta un commento