Come ti defenisci in tre parole?


La libertà non sta nello scegliere tra bianco e nero, ma nel sottrarsi a questa scelta prescritta.
Theodor Adorno, Minima moralia, 1951
                                                                              
                                                              Strisciolina serale

Come ti defenisci in tre parole? Un giorno mi chiesero.
Pagana in amore, anarchica politicamente,taoista nello spirito.
Fosse stato per la mia anima avrebbe detto " nè bianca nè nera,semplicemente sono"
Ma l'Io a questo mondo deve dare delle risposte, e per istinto ho risposto, chiusa nelle eticchette del mondo delle catalogazioni a tutti i costi sono e rimmarò errante.

Se difendo un "idea" è solo perchè la trovo più vicina alla Verità  della Liibertà e più impregnata d'umanità di molte altre".

Note :
La parola "libertà" compare scritta per la prima volta su una tavola sumera cuneiforme col termine amargi, che vuol dire "ritorno alla madre", mentre si narra della rivolta del popolo contro il re tiranno. [1]
La libertà indica in generale, facoltà di vivere, di muoversi, di agire in modo autonomo, secondo la propria volontà e la propria natura, senza essere sottoposti a limitazioni e costrizioni. Se la società nasce dalla costrizione, è pur vero che da un minimo di iniziativa individuale può nascere la libertà.
da ita.anarchopedia.org

Commenti

  1. "Dammi tre parole, sole, cuore, amore!" :)

    Libertà... ricordo una frase di un film, che mi ha colpito molto: ci sono leggi che rendono schiavi gli uomini e leggi che li rendono liberi.

    L'eccesso di libertà, diventa a sua volta una schiavitù. Scegliere di fare, o di non fare: scegliere di rimanere sé stessi. Questa è la vera libertà.

    Un abbraccio!

    RispondiElimina
  2. Ho sempre l'impressione che ci sia un grande equilibrio dentro di te, non so se è frutto delle tue esperienze oppure una caratteristica intrinseca alla tua persona...

    Mi sbaglio?

    RispondiElimina
  3. Grazie Sea, ma io definisco il mio equilibrio un "equilibrio perennemente precario"

    RispondiElimina
  4. Giusta citazione Joker a mio parere se collocata nel contesto di alcune società umane, fra gli innumerevoli schemi e strutture su cui essa si fonda, in cui le leggi rendono relativamente schiavi o liberi rispetto a qualcuno o qualcosa.

    Eccesso di libertà?:-)
    La libertà ha una sola essenza,ma esistono molti modi d'intendere la libertà, e più che schiavi della libertà stessa si dinventa schiavi della "idea" che si ha della libertà.

    A volte si è anche schiavi di se stessi,non si può rimanere coerenti a se stessi per sempre.
    Il fiume sceglie di trasformarsi in pioggia per oltrepassare il deserto, il fiume abbandona la sua attuale individualità, trasforma se stesso,muta incondizionatamente, uccide il fiume per diventare pioggia.

    Ciao :-)

    RispondiElimina
  5. Mmm, apriamo un dibattito sulla definizione e concezione che ognuno di noi ha sulla libertà e sull'"io"...

    Temo sia troppo lungo da affrontare nei commenti di un blog. Che dici? Organizziamo una conferenza? :))

    RispondiElimina
  6. Wow sii una bella conferenza, mi raccomando non prendere impegni e attrezzati di pizza, ci vorranno almeno due giorni di conferenza, fra discorsi seri,pause e cazzate :-))

    RispondiElimina
  7. Sai che non riesco a definirmi in 3 parole??!! Mi conosco davvero così poco?? O forse non riesco a darmi un'etichetta?? Non so dirtelo ... ma se pensate di organizzare una conferenza, mi piacerebbe partecipare se è possibile!

    RispondiElimina

Posta un commento