Un solo istante ineffabile

Dentro di me c'è molto di più di quello che si vede,
dentro di me ci sono percorsi irti che nessuno potrebbe immaginare.

Ho danzato con la gioia e la sofferenza
Ho abbracciato  vittoria e sconfitta
Ho conosciuto una  meravigliosa creatura  " l' anima mia"
l'ho vista, vista l'ho sentita.

Dapprima mi ha sorriso, poi mi ha abbracciato
...abbiamo pianto e riso insieme per quanto sono buffa, ostile,
amara,fragile,piccola,incosciente,forte,grande...
Mi ha portato  in viaggio con sé, mi ha fatto un regalo che al mondo nessuno mai
avrebbe potuto farmi, un solo istante ineffabile,
era  sorprendentemente reale e immensamete eterna.

Mi ha insegnato a credere,volare e saltare avanti e indietro nel tempo,
Mi ha mostrato un mondo dove tutto è possibile

Mi ha portato là dove si gioca con la realtà e la sua illusione.

Sono stata sull'isola che non c'è dove vi sono le anime dei bambini dispersi
la dove noi in realtà "siamo"...ma senza esserne  davvero consapevoli .

Carolina Verzeletti

Commenti

  1. Seconda stella a destra... poi dritto fino al mattino!
    Oh sì, la conosco quella strada :)

    RispondiElimina
  2. Là dove anche io mi rifugio quando la realtà non mi piace.

    RispondiElimina
  3. Non so perchè ma non ne dubitavo che la strada la conoscevi, Joker.

    Mira,l'importante è ritornare, c'è chi vorrebbe rimanerci per sempre ma sarebbe come negarsi un posto al mondo.

    La favola di Peter Pan è bellissima, quella originale, le altre versioni sono solo ricorsi svuotati di ogni simbolo e rese tanto futili da non servire più nemmeno ai bambini.

    Comunque Mira, alla fine credo che persone come noi sono bambini sperduti, quelli che qui nessuno vuole perchè pungenti e scomodi.
    Ma anche i bambini sperduti hanno diritto a un posto nel mondo e non sarà capitan uncino a farci paura.

    RispondiElimina
  4. Ah! Io adoro la versione originale...
    Quando il primo bambini rise per la prima volta la sua risata si spezzò in mille frammenti e quella fu l'origine delle fate...

    Però, tra bimbi sperduti, indiani e pirati... beh, pirati per sempre! :)

    RispondiElimina
  5. Premetto che la favola di Peter Pan è la mia preferita in assoluto e, ti dirò, sono d'accordo con te quando dici che, quelli come noi sono bambini che qui nessuno vuole ... il bello di tornare è proprio questo : vai sull'Isola per ricaricare le batterie e torni per scombinare i piani a chi non ti vorrebbe, proprio come i bambini dispettosi! A Joker vorrei dire che "pirati per sempre" mi piacerebbe, ma se mi guardo dentro so di essere uno di quei bambini, sperduti si, ma che non hanno alcuna paura di capitan uncino!

    RispondiElimina
  6. Bhè tutto sommato pirati non sarebbe male :-)

    RispondiElimina

Posta un commento